Loading...

news


20/03/2012

TENUTA SANT'ANTONIO A CENA CON IL PAPA E L' ARCIVESCOVO DI CANTERBURY

I vini di Tenuta Sant’Antonio con i piatti della tradizione veronese per celebrare un incontro storico





E’ un grande onore quello riservato ai vini di Tenuta Sant’Antonio: essere scelti per accompagnare la cena tra Papa Benedetto XVI e il capo della Chiesa Anglicana, l’Arcivescovo di Canterbury e Primate della Comunione Anglicana, il Dottor Rowan Williams.
Una cena importantissima se si pensa che le due Chiese sono separate dal XVI secolo, ossia dallo scisma avvenuto durante il regno di Enrico VIII.
Dopo il Concilio Vaticano II le relazioni sono migliorate, ma gli incontri tra i capi massimi delle due Chiese, sono ancora rarissimi e potervi assistere è un grande onore.
Tenuta Sant’Antonio ha abbinato i suoi vini al menù curato dall’Associazione Arte in Tavola e la trattoria al Bersagliere di Verona, tutto a base di piatti della tradizione veronese.

Dopo l’aperitivo con un Soave Fontana e un Valpolicella Nanfrè del 2010, l’antipasto di luccio alla Benancense è stato servito con un Soave Superiore Monti Ceriani 2010. Sono seguiti bigoli al torchio con anatra abbinati al Valpolicella Superiore Ripasso Monti Garbi 2009 e due piatti a base di Amarone: il famoso risotto e le guancette di manzo, accompagnati naturalmente dal Campo dei Gigli 2006. Dessert all’insegna della tradizione veneta con pere al Recioto della Valpolicella, cioccolato e gelato all’olio d’oliva del Garda, il tutto servito con il Recioto Argille Bianche 2004 di Tenuta Sant’Antonio.

Tiziano Castagnedi ha partecipato con emozione alle celebrazioni sacre, accompagnato dalla sua famiglia. Da sempre devoti a Sant’Antonio, santo
da cui prende il nome la Tenuta stessa, i fratelli Castagnedi sono orgogliosi di aver potuto contribuire con i loro vini a celebrare un incontro così significativo.